Una spiegazione della congestione della Fed e del suo impatto sui mercati

Alimentato congiuntura e il suo impatto sui mercati

Lo stato attuale della Fed Conta

La Federal Reserve U. ha finito di ridurre la sua politica stimolante quantitativa di facilitazione. Il 18 dicembre 2013, la Fed ha iniziato a convertire i suoi acquisti di titoli di 10 miliardi di dollari al mese, a 75 miliardi di dollari. Dopo una serie di riduzioni per tutto il 2014, il programma si è concluso in seguito alla riunione del 29 e 30 ottobre della Fed.

Che cosa è Fed Contabile?

"Tapering" è un termine che è esploso nel lessico finanziario il 22 maggio quando il presidente della riserva federale degli Stati Uniti Ben Bernanke ha dichiarato in testimonianza davanti al Congresso che tale Fed possa ridurre o ridurre le dimensioni del programma di acquisto di obbligazioni riduzione quantitativa (QE). Il programma, che è stato progettato per stimolare l'economia, ha servito lo scopo secondario di sostenere le performance del mercato finanziario negli ultimi anni.

L'origine della discussione "congiuntiva"

La questione della congiuntura prima si è spinta nella coscienza pubblica quando Bernanke ha chiesto la tempistica di una potenziale fine alla politica di alleggerimento quantitativa della Fed nella sua testimonianza del 22 maggio, vediamo un miglioramento continuo e confidiamo che questo sia stato sostenuto, poi potremmo nei prossimi incontri ...

fare un passo avanti nel nostro ritmo di acquisti. "Questa è stata solo una delle tante dichiarazioni fatte da Bernanke quel giorno. Tuttavia, è stato quello che ha ricevuto la massima attenzione perché è venuto in un momento in cui gli investitori erano già preoccupati per il potenziale impatto sul mercato di una riduzione di una politica che sia stata così favorevole sia per azioni che per obbligazioni.

Bernanke ha seguito le sue dichiarazioni precedenti nella conferenza stampa che ha seguito la riunione della Fed il 19 luglio.Pur affermando che la politica di attenuazione quantitativa è rimasta in atto per il momento, il presidente della Fed ha anche affermato che la politica era dipendente dai dati in entrata. Considerato il miglioramento dell'economia U. S., si aspettava che questo approccio basato su dati lo porterà a iniziare a coniugare QE prima della fine del 2013, con il programma che terminerà interamente nel 2014.

Di conseguenza, la Fed ha deciso di ritardare l'inizio della congiuntura fino alla riunione di dicembre del 2013.

Il potenziale di congiuntura esisteva fin dall'inizio del programma QE. L'allentamento quantitativo non è mai stato destinato a durare per sempre poiché ogni acquisto di obbligazioni espande lo "stato patrimoniale" della Fed aumentando la quantità di titoli che possiede.

Reazione del mercato alla congestione

Mentre la affermazione più complessa di Bernanke non rappresentava uno spostamento immediato, tuttavia ha spaventato i mercati. Nel recupero che ha seguito la crisi finanziaria 2008, sia gli stock che le obbligazioni hanno prodotto rendimenti eccezionali nonostante la crescita economica, che è ben al di sotto delle norme storiche. Il consenso generale, probabilmente accurato, è che la politica federale è il motivo di questa disconnessione.

Alla fine del 2013, una convinzione ampiamente diffusa era che una volta che la Fed iniziò a tirare indietro il suo stimolo, i mercati avrebbero iniziato ad eseguire più in linea con i fondamentali economici - che in questo caso significava prestazioni più deboli.

Le obbligazioni si sono vendute nettamente a seguito della prima menzione di Bernanke di congiuntura, mentre le scorte hanno cominciato a mostrare una maggiore volatilità rispetto a quelle precedenti. Tuttavia, i mercati successivamente si stabilizzarono nella seconda metà del 2013, in quanto gli investitori si sono progressivamente allargati con l'idea di una riduzione del QE.

Con il recupero economico che guadagna trazione entro il 2014 - e gli investitori mantengono un sano appetito per il rischio - il processo di congiuntura non ha avuto alcun impatto sul mercato. Infatti, entrambe le azioni e le obbligazioni si sono svolte molto bene. Ciò indica che la Fed era corretta nella sua decisione di coniugare la sua politica quantitativa di alleggerimento, nonché nel suo tempismo e approccio.